Roma – “E’ vergognoso ed inaudito che in Parlamento, invece di sostenere l’azione benemerita delle comunità che recuperano i tossicodipendenti e combattono la droga, ci siano parlamentari come Cancrini che chiedono addirittura la chiusura di San Patrignano e della Comunità di Don Gelmini”, ha dichiarato l’on. Maurizio Gasparri dell’Intergruppo parlamentare per la libertà dalla droga.“Il governo, rappresentato in questa occasione da Mastella, si è comportato in maniera pilatesca. Eppure Mastella, che ben conosce soprattutto Don Gelmini, avrebbe dovuto con parole chiare mettere a tacere chi contesta l’azione di persone e realtà benemerite. Evidentemente anche Mastella per conservare il posto deve accettare l’armata brancaleone di cui egli stesso fa parte”.“Le comunità vanno difese così come la legge Fini-Giovanardi ha sancito. In Parlamento bisogna parlare di come combattere la droga, non di come combattere chi combatte la droga. Cancrini con questa inaudita iniziativa si è reso sostenitore dei diffusori delle sostanze stupefacenti. Gli spacciatori applaudiranno come tutti coloro che portano avanti la cultura della droga e della morte che trovano in Cancrini un convinto sostenitore e nel governo una presenza assolutamente incapace di garantire i valori umani che dovrebbero essere alla base della convivenza civile. La droga si combatte soprattutto con la prevenzione ed il recupero, e quindi con le comunità”. “Giù le mani dalle comunità. Non consentiremo politiche di aggressione come quelle attuate da Cancrini e dai comunisti che ancora oggi rappresentano un’ideologia nefasta e pericolosa. Cancrini si occupi piuttosto dei massacri compiuti in nome di quell’ideologia alla quale ha implorato un posto in Parlamento”, conclude Gasparri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.